Close
  • Comano1.jpg
  • busto irma bordo.jpg
  • La dormente, terracotta bordo.jpg
  • Ritratto di Eva, Mario Bernasconi bordo.jpg
  • Mario Bernasconi giovane (2).jpg

Tutte le informazioni sul Coronavirus

Qui puoi trovare le informazioni e le risposte alle domande più frequenti sulla situazione attuale del coronavirus in Ticino.

I luoghi di intrattenimento (cinema, teatri, musei, centri giovanili, centri sportivi, centri fitness, piscine, centri wellness, impianti di risalita, navigazione, parchi pubblici, aree gioco, dog park, discoteche, piano bar, locali notturni) rimarranno chiusi fino a nuovo ordine, come stabilito dal decreto dell’11 marzo 2020.

Eventi, esposizioni, spettacoli e attività d’intrattenimento saranno pertanto soggetti a posticipi e annullamenti.

Pazzallo

Museo Mario Bernasconi

Museo e casa natale con collezione di opere dello scultore Mario Bernasconi (1899 – 1963) e di sua moglie la pittrice Irma Bernasconi Pannes (1902 – 1971). La casa natale espone opere degli anni Venti con disegni, racconti, fotografie ed oggetti personali dello scultore.

Mario Bernasconi nacque nel 1899 a Pazzallo nella casa di fronte al museo. Formatosi alla scuola di Luigi Vassalli e poi da Giuseppe Foglia, imparò a lavorare il marmo ed usare la creta. Disegnò bassorilievi, studiò il corpo umano e fu più che mai convinto che quella era la sua strada. A ventidue anni ottenne la prima borsa di studio Federale che gli venne rinnovata per tre anni consecutivi. Queste ed altre opere furono create a Pazzallo durante i primi anni, e costituiscono forse le sue migliori opere.

Bernasconi fece viaggi di studio dando la preferenza a Siena e Firenze, e continuò a formarsi tramite il contatto con artisti ed intellettuali. Lavorò nella Svizzera interna, a Zurigo, Berna, Glarona. Nel 1925 eseguì l'opera "Il curato di campagna". Nel 1927 si aprirono per lui nuovi orizzonti. Il matrimonio con Irma Pannes lo trasferì in Germania, che lo portò prima a Berlino, poi Breslau, Krefeld, Francoforte, Düsseldorf, Wiesbaden, Freiburg, Darmstadt, e da ultimo Monaco dove ebbe la possibilità di esporre alla "Staatliche Kunstausstellung".

Seminò ovunque, visse e lasciò lavori nelle migliori famiglie. Nel 1929 ritornò nella sua terra, in quella terra che tanto amava e da cui a malincuore si staccava, ma dove come giovane artista era particolarmente difficile far carriera e farsi conoscere.

Disclaimer

Le informazioni di questo sito, riguardanti i servizi o i prodotti sono fornite da partner esterni. Queste informazioni sono soggette a cambiamenti frequenti, per questo motivo Lugano Region non si ritiene responsabile per eventuali inesattezze.

  1. Contatto

    Museo Mario Bernasconi
    Piazzetta Mario Bernasconi 9
    6912 Pazzallo
    www.museomariobernasconi.com

  2. Apertura

    Aperto tutti i giorni
    Entrata libera su appuntamento.

  3. Prezzi entrata

    Entrata gratuita

  4. Accessibilità portatori di handicap
    • Accessibile in carrozzella, con difficoltà (B)