Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 2: Casa della Ragione

Situata nella piazza principale, era luogo di gestione giudiziaria e amministrativa della Castellanza di Sonvico, una comunità di diversi centri abitati che comprendeva Sonvico, Dino, Villa e le frazioni di Cimadera, Traciò e Stampa.

Sulla base di documenti d’archivio l’edificio dovrebbe risalire al Seicento, mentre la facciata assai elaborata sarebbe stata realizzata verso la metà del Settecento. Vi sono raffigurati gli stemmi dei dodici Cantoni tutti con una fascia sottostante indicante il nome e l’anno di adesione alla Confederazione. Questi cantoni a turno inviavano dei balivi per amministrare i baliaggi italiani. Al centro lo stemma imperiale: un’aquila bicipite con le teste coronate in campo oro. Posto in posizione privilegiata rispetto alle altre figure, probabilmente ricordava l’usanza di far capo alle leggi imperiali quando gli ordinamenti locali non fornivano altre indicazioni. L’emblema scelto per rappresentare Sonvico è il liocorno rampante in campo azzurro sovrastato da una fascia con la scritta “Sonvicum Eiusque Castellantia”. Sonvico non usò mai lo stemma concesso alla Castellanza da Filippo Maria Visconti duca di Milano nel 1414, forse perché nel giro di pochi anni (1416) la Valle di Lugano con Sonvico passa sotto il dominio di Como (Loterio Rusca).

Chi furono i committenti di questi dipinti? Forse i sonvichesi che, con molto opportunismo, ebbero la delicatezza di non sbandierare di fronte ai nuovi padroni uno stemma simbolo di fedeltà e devozione ai duchi di Milano. Avevano d’altra parte buoni motivi per manifestare riconoscenza ad un occupante che aveva riconfermato loro tutti i privilegi e che poco si interessava degli affari interni della Castellanza. Non per niente Sonvico fu tra gli avversari della nuova Repubblica Elvetica voluta da Napoleone (1798-1803), che aveva portato alla fine del sistema dei baliaggi.

Sulla facciata si possono ancora osservare tre ganci in ferro terminanti con teste di animale, di cui uno ancora provvisto del suo anello originale, decorato da linee spezzate, intercalate regolarmente da un sole. La tradizione orale afferma che erano utilizzati per esporre i condannati alla gogna. Ancora negli anni 1870/1880 si esponevano alla berlina i ragazzi sorpresi a rubacchiare in campagna legandoli a questi anelli.

Il Comune di Sonvico prima dell’aggregazione con la città di Lugano ha proceduto al restauro della facciata ripristinando le logge dell’ultimo piano , alla ripresa del motivo bugnato sugli angoli dell’edificio, senza purtroppo riproporre le originali cornici barocche che inquadravano le finestre del primo piano.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 10: Lavatoio
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 16: La zona rurale
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 18: Piazza carbonaia
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 23a: I Denti della Vecchia
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  3. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  4. Download