Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 23a: I Denti della Vecchia

Questo punto privilegiato, dal quale si può spaziare sulle colline, le alture e le montagne dell’intero Luganese, ci offre una finestra di particolare bellezza sui Denti della Vecchia.

Le guglie di questa montagna sono costituite dalla Dolomia principale del Triassico superiore (ca. 215 mio. di anni fa), una roccia sedimentaria erosa dall’azione dei venti e delle acque fino ad assumere la straordinaria conformazione attuale.

Durante il Triassico superiore il Sottoceneri giaceva sul fondale di un antico mare non particolarmente profondo. I denti della Vecchia costituivano allora una barriera organogena formata da coralli, alghe, megalodonti, vari gasteropodi e altri organismi marini. Attraverso il processo di compattazione dei sedimenti, chiamato diagenesi, la barriera si trasformò in dolomia. In seguito, le forze tettoniche innalzarono queste formazioni rocciose sopra il livello delle acque, fino all’attuale quota di circa 1500 m s.m.

I Denti della Vecchia sono particolarmente interessanti, non solo dal punto di vista paesaggistico e geologico, ma pure da quello botanico e faunistico.

L’intera zona, comprendente anche le cime di Fojorìna, del Mosè, dell’Oress e del Torrione in territorio italiano, è caratterizzata da una particolare ricchezza floristica e vi si trovano specie vegetali chiamate «endemiti» perché molto rare o completamente assenti nel resto della Svizzera.

Le guglie, gli anfratti e le pareti a picco dei Denti della Vecchia offrono inoltre l’habitat ideale a un tipico rappresentante dell’avifauna di queste zone: la Rondine montana. Mentre la maggior parte delle rondini lascia le nostre regioni in inverno ed emigra verso sud, la Rondine montana è sedentaria e sverna alle nostre latitudini.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 2: Casa della Ragione
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 10: Lavatoio
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 16: La zona rurale
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 18: Piazza carbonaia
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Note

     



  3. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  4. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  5. Download