Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 10: Lavatoio

Questa costruzione, più di ogni altra, ci stimola a riflettere sui veloci cambiamenti dei modi di vivere in questi ultimi decenni. Il passaggio dal lavatoio alla lavatrice ha costituito per la donna un miglioramento della qualità della vita di eccezionale importanza.

Le più anziane ci hanno testimoniato le fatiche e l’impegno per fare il bucato. I panni venivano prima messi a mollo in casa, dove veniva prodotta la lisciva casalinga (il ranno), facendo bollire la cenere o versandovi direttamente acqua bollente. La cenere, setacciata, era preferibilmente di legna di faggio e veniva tenuta separata dai panni usando una stoffa di tela di canapa come filtro. Svolta questa operazione si portavano i panni al lavatoio con le gerle, per lavarli e risciacquarli. Poi si strizzavano prima di appenderli ad asciugare.

I numerosi piccoli lavatoi della zona erano di proprietà privata: per poterli utilizzare si stabilivano dei turni di occupazione. A questo lavatoio potevano lavorare contemporaneamente più donne che, a rotazione, si spostavano verso la sorgente, quando dopo aver lavato e sfregato i panni, li dovevano risciacquare con acqua pulita. Si veniva a lavorare anche alla sera, quando ormai era buio, con la candela in mano. Questo lavatoio era apprezzato perché si ricorda che anche in inverno l’acqua non era troppo gelida.

La costruzione è divisa in due parti, quella più interna, completamente interrata, fungeva da cassinél. Degni di attenzione sono pure gli sfiatatoi interni, per favorire la circolazione dell’aria e il canaletto esterno per la fuoriuscita dell’acqua.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 2: Casa della Ragione
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 16: La zona rurale
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 18: Piazza carbonaia
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 23a: I Denti della Vecchia
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  3. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  4. Download