Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone

Quella del Franscinone rappresenta un ottimo esempio di «valle di erosione» e questo punto di osservazione ci offre una panoramica privilegiata sulla gola scavata dal torrente.

Le valli di erosione sono state intagliate dalla forza delle acque direttamente nelle rocce e portano quindi alla luce gli avvenimenti geologici che per milioni di anni vi si sono succeduti. In questo punto il torrente ha eroso le rocce metamorfiche di Gneiss dello Stabbiello e le scisti a orneblenda e epidoto formatesi più di 280 mio. di anni fa e, come alla stazione numero sei, anche qui è visibile una zona di contatto fra queste due rocce sul versante opposto della valle.

L’affioramento di Gneiss dello Stabbiello lungo questo tratto di sentiero, spesso ricoperto di terra e humus nella parte superiore e sul quale crescono diverse specie di felci, è l’habitat ideale per diversi invertebrati che prediligono un microclima fresco e umido e che rifuggono la luce. Questi animali svolgono un’importante funzione ecologica nella decomposizione del materiale organico. Si nutrono dei detriti di origine vegetale e animale e li trasformano in humus, che conferisce al suolo la sua fertilità. Le sostanze prodotte da questi organismi, vengono poi riassorbite dalle piante, che le ritrasformano in materiale organico. Fanno parte di questa categoria di animali i Diplopodi (chiamati comunemente millepiedi), i cui segmenti recano due paia di arti, i Chilopodi (o centopiedi), con segmenti che recano un solo paio di arti e gli Isopodi terrestri (comunemente chiamati «porcellini di terra»): Crostacei che si sono adattati alla vita sulla terraferma.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 2: Casa della Ragione
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 10: Lavatoio
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 16: La zona rurale
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 18: Piazza carbonaia
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 23a: I Denti della Vecchia
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  3. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  4. Download