Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 16: La zona rurale

Alcuni degli arbusti che solitamente ritroviamo nei boschi di latifoglie, caratterizzano anche i cespuglieti e le siepi dei paesaggi rurali, dove il bosco si alterna ai prati o ai campi.

I cespuglieti costituiscono la fascia di transizione tra la foresta e un ambiente più aperto o formano delle «isole» all’interno dei prati. Le siepi hanno una struttura più lineare. Possono insediarsi spontaneamente, e in questo caso si parla di siepi naturali, composte da molte specie di arbusti indigeni e da qualche singolo albero, o essere piantate dall’uomo come muro divisorio vegetale. In questa stazione i cespuglieti e le siepi sono composti prevalentemente da piante di Nocciolo comune frammiste a qualche Frassino. Nonostante la povertà di specie vegetali presenti, l’importanza ecologica di questi ambienti rimane comunque elevata.

La particolare struttura di cespuglieti e siepi, contraddistinta da una vegetazione arbustiva particolarmente intricata, è infatti di grande importanza dal punto di vista faunistico. Tali ambienti svolgono un fondamentale ruolo ecologico, permettendo gli spostamenti della fauna da un ambiente all’altro e facilitando i contatti e lo scambio genetico tra popolazioni diverse (ruolo di collegamento). Diminuiscono inoltre la frammentazione del territorio e costituiscono luoghi di nidificazione per molti uccelli della zona, come lo Scricciolo, il Verdone e il Cardellino. Inoltre offrono un rifugio a un gran numero di specie animali, per esempio alla Lepre, alla Donnola, ai piccoli micromammiferi come l’Arvicola sotterranea, il Toporagno comune e il Topo selvatico. I rettili, come il Biacco, il Ramarro e l’Orbettino, e gli anfibi vi trovano nutrimento e protezione. Sono inoltre un’importante fonte di alimentazione per numerosi insetti impollinatori.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 2: Casa della Ragione
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 10: Lavatoio
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 18: Piazza carbonaia
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 23a: I Denti della Vecchia
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  3. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  4. Download