Close
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico
  • Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Sentieri tematici – Sentiero storico naturalistico di Sonvico

Tappa 18: Piazza carbonaia

Percorrendo i nostri boschi incontriamo numerosi spiazzi di forma ovale. Sono spazi creati dell’uomo per produrre carbone di legna. Un’attività praticata ancora fino alla seconda guerra mondiale, poi repentinamente abbandonata.

La produzione di carbone risultava interessante sia perché rendeva meno faticoso, meno pesante il trasporto del combustibile da luoghi distanti e impervi, sia per i ricavi ottenuti dalla sua vendita. Il consumo di carbone era assai importante, pensando anche solo al semplice uso domestico : bracieri, scaldini e ferri da stiro sfruttavano con maggior profitto il carbone, molto più calorico e produttore di minor fumo rispetto alla legna. Il carbone si forma portando la legna ad una temperatura elevata con una minima presenza di ossigeno.

Il carbonaio cominciava a costruire al centro della piazza un camino, una struttura verticale vuota che serviva per l’ accensione, per la regolazione dell’ossigeno e della combustione. Attorno sistemava la legna già tagliata e spaccata in modo da formare una perfetta catasta a forma di cupola. In seguito la costruzione doveva essere ricoperta da uno strato di zolle e terra per impedire l’entrata dell’aria. La catasta veniva poi accesa dal camino centrale e la carbonatazione veniva guidata praticando dei fori in vari punti, così da favorire la fuoriuscita delle sostanze volatili prodottesi con la combustione.

A una settimana o anche più dall’accensione il carbone era pronto per essere venduto. Solitamente veniva ritirato dalle donne che, nel mondo contadino, si assumevano il faticoso onere di trasportare anche i carichi più pesanti. Nelle piazze carbonaie si trovano con facilità pezzetti di carbone.

  1. Escursioni correlate

    Sentiero storico naturalistico di Sonvico
    Tappa 1: Pozzo e Riarón
    Tappa 2: Casa della Ragione
    Tappa 3: Grad
    Tappa 4: Cassinél
    Tappa 5: Il bosco misto di latifoglie
    Tappa 6: Curiosità geologiche
    Tappa 7: Mulino e ponte
    Tappa 8: La radura nel bosco
    Tappa 9: Il torrente Franscinone
    Tappa 10: Lavatoio
    Tappa 11: Gli uccelli del bosco
    Tappa 12: La valle di erosione del Franscinone
    Tappa 12: Acqua ed energia
    Tappa 13: Il margine del bosco di golena
    Tappa 14: Cascina per la lavorazione del latte
    Tappa 15: Fornace per la produzione della calce
    Tappa 16: La zona rurale
    Tappa 17: La zona umida di Canéed
    Tappa 19: Terrazzamenti
    Tappa 20: Madonna d'Arla
    Tappa 21: La selva castanile di Pian Piret
    Tappa 22: Faggeta
    Tappa 23: Masso coppellare
    Tappa 23a: I Denti della Vecchia
    Tappa 24: R’Alborón
    Tappa 25: Oratorio di San Martino
    Tappa 26: Nucleo di Sonvico
    Tappa 27: Torchio delle noci
    Tappa 28: Chiesa di San Giovanni Battista

  2. Come arrivare

    Le Autolinee Regionali Luganesi coprono la tratta Lugano – Sonvico; dalla Val Colla si può accedere a Sonvico, usufruendo dell’autopostale, percorrendo il tragitto Tesserete – Sonvico.

    Viaggio coi trasporti pubblici!

  3. Segnaletica

    Sonvicosentierostorico Adesivo

  4. Download