Arcadia – Bally Foundation

Castagnola

Orari

Mercoledì: 11:00 – 18:00
Giovedì: 11:00 – 18:00
Venerdì: 11:00 – 18:00
Sabato: 10:00 – 17:00
Domenica: 10:00 – 17:00

Nell'immaginario collettivo, l'Arcadia rappresenta l'idilliaca regione della Grecia, descritta da Virgilio nelle Bucoliche del 40 a.C. come un luogo di vita serena, dedita ai piaceri della natura e del canto. Il terreno montuoso, la natura rigogliosa, il microclima e lo stile di vita dolce hanno trasformato la zona in un sinonimo di stile di vita ideale, dove lo splendore e l'armonia della natura abbondante fanno sì che l'intimità e la poesia del giardino assumano la scala dell'intero paesaggio.

La mostra "Arcadia" prende spunto dal modellamento del paesaggio della regione svizzero-italiana del Ticino nel corso dell'ultimo secolo, lungo diversi assi, tutti finalizzati a un ideale di felicità che integra e sviluppa il rapporto con la natura.

Con la democratizzazione dell'automobile negli anni Trenta, il Ticino è stato finalmente collegato alla Svizzera tedesca in modo più diretto e rapido attraverso la strada del Gottardo, ereditando il nome di "Sonnenstube", il luogo del sole. È in questo luogo soleggiato, dove la vita era così piacevole, che si stabilirono artisti e celebrità in un periodo in cui la moda dei giardini esotici era in pieno sviluppo. A Morcote, Montagnola o Lugano, dai giardini di Villa Heleneum a quelli di Hermann Hesse o di Peter Smithers, ex agente segreto dell'MI6 britannico o di Hermann Scherrer, grande commerciante di tessuti e collezionista d'arte, il giardino privato si trasformava in una vera e propria costruzione esotica, a metà tra una collezione di souvenir di viaggio e di immagini romantiche.

Il modellamento di questi spazi verdi, per lo più con piante tropicali, produce anche un processo di trasformazione che va oltre il giardino e genera una sorta di nastro mediterraneo lungo le rive dei laghi della regione. Una piccola parte del paesaggio prealpino si trasforma gradualmente in "riviera francese", e i confini tra il giardino privato e il paesaggio più lontano tendono a scomparire: la flora esotica dei giardini, che comprende alberi di mandarino cinese, palme del Giappone, cycas revoluta dell'America centrale, eucalipti dell'Australia e rare camelie, glicini e rose rampicanti, si estende poco a poco a tutta la vista. Come scrisse Henry Correvon, grande specialista di flora alpina all'inizio del XX secolo, originario del cantone Vado: "Nel Ticino la vegetazione assume forme così varie e molteplici, ed è così straordinariamente esuberante da suscitare ovunque grida di ammirazione. È già Italia eppure è ancora Svizzera [...]. È la nostra "Riviera", il nostro “Midi”, ma molto più tranquillo e pittoresco!” Il più delle volte, queste composizioni vegetali includono finte rovine, colonnati allestiti lungo i laghi, riproduzioni di sculture antiche o grotte artificiali, dando a questo giardino paesaggistico la forte dimensione pittoresca di cui parla il botanico.

È attraverso questo collage di elementi che si assiste alla composizione di una geografia narrativa che incarnerà l'immagine del Sud, bello e temperato, di cui la palma diventa l'emblema.  Dall'esotismo all'estetica della rovina, dalle palme ticinesi a quelle californiane - importate negli anni Trenta per trasformare la California del Sud nella "costa mediterranea d'America" ispirata alla Costa Azzurra -  la mostra collettiva "Arcadia" esamina il modo in cui gli artisti contemporanei compongono e danno vita a nuove architetture ed ecosistemi emozionali. Giocando con i confini tra natura e artificio, chimera e realtà, essi costruiscono l'utopia di un patrimonio immaginario e immemore.

Prezzi

  • Intero: CHF 15.–
  • Ridotto: CHF 12.–
  • Studenti: gratuito

Disclaimer
Le informazioni presenti su questo sito, relative a servizi o prodotti, sono fornite da partner esterni. Queste informazioni sono soggette a frequenti modifiche; per questo motivo Lugano Region non può essere ritenuta responsabile per eventuali inesattezze.