Museo Hermann Hesse

Montagnola

Il museo conserva preziose testimonianze degli ultimi 43 anni di vita di Hermann Hesse, vissuto a Montagnola sino alla sua morte.

Il piccolo, ma importante Museo Hermann Hesse è inserito nella Torre Camuzzi, parte integrante del complesso storico della Casa Camuzzi, una testimonianza reale del prestigioso lavoro degli architetti ticinesi nella San Pietroburgo dell’Ottocento. Qui Hermann Hesse affittò nel 1919 nel suo quarantaduesimo anno di vita un modesto appartamento. Dopo un periodo di crisi motivato dalla separazione dalla famiglia e dalle conseguenze nefaste da lui previste della prima guerra mondiale, Hermann Hesse cominciò nuovamente a scrivere e scoprì la pittura come fonte di calma e serenità.

Nella Casa Camuzzi nacquero “L’ultima estate di Klingsor”, “Siddharta”, “Narciso e Boccadoro”, “Il lupo della steppa”, così come numerose poesie, racconti e acquerelli. Nel 1931, Hermann Hesse si trasferì con la terza moglie Ninon, nella Casa Rossa, nel cui ampio giardino si dilettava a coltivare personalmente ortaggi e fiori. Le opere successive tra cui “Ore nell’orto” e “Il gioco delle perle di vetro”, per il quale ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1946, e le sue “Lettere”, confermarono la sua creatività. Molte personalità (tra cui Theodor Heuss, Thoman Mann e Bertolt Brecht) vennero a Montagnola per far visita allo scrittore. Hermann Hesse, dal 1924 cittadino svizzero, a Montagnola si sentiva a casa sua; il paesaggio incomparabile e le particolari condizioni di luce sulla Collina d’Oro hanno affascinato l’artista. A ciò si aggiunse il comportamento amichevole dei Ticinesi che egli lodò ripetutamente nei suoi racconti.

Le sue opere sono tradotte in 60 lingue; ne sono stati pubblicati in totale circa 150 milioni di esemplari. Il Museo Hermann Hesse a Montagnola, il primo e finora unico in Svizzera, inaugurato il 2 luglio 1997 in occasione dei 120 anni della nascita dello scrittore, conserva preziose testimonianze degli ultimi 43 anni di vita del poeta e pittore, vissuto sino alla morte, avvenuta nel 1962, a Montagnola.

Il museo è un luogo di incontri culturali per visitatori di ogni provenienza. Nella sala cinematografica vengono proiettati documentari in italiano, tedesco, inglese e francese; libri in diverse lingue esposti all’entrata e nel giardino del museo invitano alla lettura e alla riflessione. Lungo il percorso segnalato “Sulle orme di Hermann Hesse” si può ammirare il paesaggio unico nel suo genere della Collina d’Oro.

Note

Tragitto in auto

Autostrada - Uscita Lugano Sud. Continuare in direzione Lugano Lago, al primo semaforo svoltare a sinistra in direzione Ponte Tresa/Aeroporto Agno.
La strada ora sale fino a Sorengo. All’incrocio di Sorengo (Pizzeria Giardino) girare a sinistra, oltrepassare Gentilino fino a giungere a Montagnola (ca. 2,5 km).
Sulla piazza del paese (piazza Brocchi), dove si trovano la posta ed alcuni caffè, ci sono tre posteggi pubblici.
Da qui si parte per raggiungere il vecchio nucleo del paese e a circa 150 metri si arriva alla Casa Camuzzi ed alla Torre Camuzzi (seguire le indicazioni).

Dal centro

Direzione Lugano stazione: Poco prima della stazione seguire le indicazioni per Ponte Tresa/aeroporto Agno.
Al semaforo di Sorengo girare a sinistra direzione Gentilino/Montagnola. Seguire come descritto sopra.

Tragitto con mezzi pubblici

Con il treno fino a Lugano. Da Lugano (dalla stazione degli autobus in centro, via Balestra o dietro della stazione ferroviaria, via Sorengo) parte un bus per Agra che si ferma a Montagnola in Piazza Brocchi.
La durata del viaggio è di circa 15 minuti. Informazioni sull’orario: www.ffs.ch.

Apertura

01.11.2023 — 29.02.2024

  • Sa – do: 10:30 – 17:30
  • Domenica 31.12.2023: 10:30 – 15:00

01.03.2024 — 31.10.2024

  • Lu – do: 10:30 – 17:30

01.11.2024 — 31.12.2024

  • Sa – do: 10:30 – 17:30

Prezzi entrata

  • CHF 10.– / 8.–
  • Entrata libera fino a 12 anni

Disclaimer
Le informazioni presenti su questo sito, relative a servizi o prodotti, sono fornite da partner esterni. Queste informazioni sono soggette a frequenti modifiche; per questo motivo Lugano Region non può essere ritenuta responsabile per eventuali inesattezze.