Close
  • Parco di Villa Negroni
  • Parco di Villa Negroni
  • Parco di Villa Negroni
  • Parco di Villa Negroni

Cambiamento di orari ed eventuali annullamenti delle attività

Eventi, esposizioni, spettacoli e attività d’intrattenimento potrebbero essere soggetti a posticipi ed annullamenti.

Vista la situazione in continuo cambiamento ti suggeriamo di verificare sempre gli orari di apertura ed eventuali limitazioni dell'attività direttamente con i contatti indicati.

Nonostante i continui aggiornamenti ci scusiamo per i possibili inconvenienti.

Vezia

Parco di Villa Negroni

Il parco si caratterizza per la presenza di due zone ben distinte: un parterre alla "Italiana" ed una vasta area alla "Inglese".

Il giardino situato vicino alla villa è uno dei rari esempi di giardino formale di stile "Italiano" presenti in Ticino. Questo parterre fu creato negli anni 1910 - '20 con elementi tipici del '600: il bosso (Buxus sempervirens) potato "in forma", le aiuole delimitate da cordoli arrotondati, la grotta in sasso di tufo, le fontane formali situate negli assi della villa e dei cortili principali, le statue e gli elementi decorativi in ferro battuto. Architettura e natura si sposano e si fondono armoniosamente, dando vita ad un giardino che merita una visita. La seconda parte del parco, posta a nord, tra la vecchia strada cantonale e quella nuova, è di proprietà dell'Ospedale Italiano di Lugano. Questa zona offre allo spettatore un paesaggio più naturale, meno "costruito". Si tratta, infatti, di un'area all' "Inglese" alla quale si accede tramite l'antica entrata principale: un grande cancello in ferro battuto affiancato da una scultura. Prospiciente l'ingresso, si erge la cappella di famiglia mentre, nel cuore del parco, si trova l'ossario, posto in cima ad una piccola collina ed attorniato da un'esuberante alberatura di cedri (Cedrus ssp.), faggi (Fagus ssp.) e querce (Quercus ssp). Proseguendo nel giardino, si incontra un piccolo ruscello, posto in fondo ad una valletta, le cui sponde sono ricoperte da vegetazione spontanea. Si arriva, cosi', ad un vasto prato sul quale si proietta la facciata sud della villa e, salendo la scala posta vicino alla grotta, si giunge nuovamente al parterre, per ammirare il tripudio colorato dei fiori stagionali che crescono nelle aiuole. 

La storia

Costruita a cavallo tra Seicento e Settecento da Carlo Morosini di Lugano (il nome originario della villa è, infatti, Villa Morosini), Villa Negroni conosce una serie di trasformazioni importanti e diviene un polo mondano. Infatti, diversi personaggi di spicco della cultura italiana del XIX secolo, come politici, intellettuali, musicisti ed artisti sono ospiti nella casa di campagna di Morosini: oltre agli illustri profughi dell'Ottocento, si ricordano Giuseppe Verdi, Boito, i poeti Maffei, Carcano e Fogazzaro, il pittore Hayez e, non ultimo, Giuseppe Garibaldi, l'eroe dei due mondi. Nel 1860 la villa viene ampliata e nel 1910 la proprietà passa al Conte C. A. Negroni di Milano, il cui figlio, Giovanni Antonio, architetto, si dedica alla ristrutturazione totale degli edifici esistenti, rispettando scrupolosamente il carattere dell'architettura originaria. La costruzione, oltre che restaurata, viene ampliata: si edificano le stalle poste sotto il giardino, la nuova ala nord con il ponte di collegamento ornato da statue, la cappella, l'ossario ed il giardino formale di stile italiano, situato nei piani creati appositamente nelle adiacenze della villa. Il giardino è impreziosito da statue e da fioriere in pietra artificiale. Al centro dei vasi, collocati negli angoli del giardino, vi è un mazzo di fiori in ferro battuto, lavorato a mano. Questo elemento, così come i bellissimi cancelli d'entrata, la ringhiera del giardino e numerose altre decorazioni in ferro, fu trasportato a Lugano dalle ville che i Negroni possedevano in Brianza. Siepi ornamentali di bosso (Buxus sempervirens), palme, fontanelle e statue barocche in graniglia ancora oggi riconducono all'armoniosa simbiosi tra natura ed architettura, con cui era stato concepito lo spazio nel primo decennio del XX secolo dal Negroni.  La storia di villa Negroni è segnata da svariate trasformazioni, l'ultima delle quali è ad opera del Comune di Lugano che, nel 1976, acquista tutta la proprietà per 4,8 milioni di franchi. Diversi sono gli istituti che trasferiscono qui la loro sede: dapprima la scuola americana, poi la scuola di musica e la scuola professionale d'abbigliamento. Nel 1990 il Municipio aderisce alla proposta dell'Associazione Bancaria Ticinese di ospitare, nella villa, il nascente Centro di Studi Bancari, che vi ha sede tuttora. E' questa l'occasione per il Comune di restaurare completamente l'edificio, soprattutto all'interno. Anche il giardino viene sottoposto ad una risistemazione che, non solo non apporta modifiche sostanziali alla struttura originale ma, addirittura, ne ripristina gli elementi fondamentali, come nel caso della piccola corte interna, riportata al disegno dell'architetto Negroni. Tutto il giardino torna, inoltre, a splendere dei colori dei fiori stagionali, distribuiti nel parterre della villa secondo i dettami degli anni '15-20.

Disclaimer

Le informazioni di questo sito, riguardanti i servizi o i prodotti sono fornite da partner esterni. Queste informazioni sono soggette a cambiamenti frequenti, per questo motivo Lugano Region non si ritiene responsabile per eventuali inesattezze.

  1. Contatto

    Parco di Villa Negroni
    6943 Vezia

  2. Note

    Durata della visita: 1 ora
    Cani: Al guinzaglio.
    Accessibilità con biciclette: No
    Parco giochi: No
    Area pic-nic e grill: No
    Ristoranti/bar : Sì, nelle vicinanze
    NON è possibile raccogliere fiori e frutti

  3. Altitudine

    350 m

  4. Apertura

    Apertura parco: Tutto l'anno
    Periodo consigliato di visita: primavera - autunno

  5. Prezzi entrata

    Entrata parco: Libera
    Possibilità di visite guidate: No

  6. Come arrivare

    Bus: No.5, direzione Vezia fermata Villa Negroni.